Project Description

Stefano Argentero

Stefano Argentero nasce a Torino nel 1967.

Si diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma nel 1990 in clay animation con il corto “eqtè”, che vince il premio opera prima al festival di Hannover.

Nell’autunno dello stesso anno si trasferisce a Firenze per lavorare nello Studio Misseri specializzato in clay animation.

L’anno successivo è a Milano per collaborare con lo Studio Yusaki alla serie Talpy realizzata sempre con la tecnica della plastilina animata. collaborazione che continuerà nell’arco della sua carriera professionale in vari periodi.

Dall’autunno del 1991 per un anno espleta il servizio di obiettore di coscienza presso la cooperativa Azimut come educatore in una comunità di minori con problemi familiari.

Dopo questa esperienza decide di tornare a Roma per riprendere a lavorare nel campo del cinema d’animazione.

Collabora in questo periodo con i più rinomati studi della capitale: Cineteam, Graphilm, TangoFilm, Pink’Op; e d’Italia : Lanterna Magica (Torino), Animation Band (Milano) in varie vesti, intercalatore e animatore per serie e corti a disegni animati, battitore di colonna per serie e lungometraggi, animatore di plastilina per spot pubblicitari e sigle.

Nel 1995/1996 è direttore creativo nella nascente società d’animazione Crayon di Terni.

Nel 1996/1997 collabora, con la società di elaborazione dati EdiGroup, alla realizzazione di “RSVP” , il primo cd-rom interattivo italiano realizzato interamente con la tecnica della plastilina animata.

Dal 2001 al 2003 lavora presso la società Finzioni Entertainment come redattore, segretario di edizione, autore alla realizzazione dei Circhi di Rai TRE.

Dal 2003 collabora con RaiSat Ragazzi come arredatore per programmi in studio e come consulente per le manualità di alcune produzioni RAI.

Nel 2005 apre a Roma nel quartiere Pigneto il Macestudio, nel quale realizza film in animazione Stop Motion collaborando con le più svariate figure artistiche della capitale e svolgendo una puntuale attività didattica.

Dal 2014 si trasferisce a Parigi dove prosegue la sua attività didattica e artistica.